top of page
  • Mari

vademecum sciopero generi e consumi 2022

8 marzo e oltre

Dall'assemblea transterritoriale Corpi e Terra rilanciamo per l'#8Mscioperopertutt lo

sciopero dei generi e dei consumi. Visibilizzare i punti di interconnessione tra

femminismo, antispecismo ed ecologismo è quello che da anni facciamo come

ecotransfemministə multispecie. Lo ribadiamo sempre più forte: non c'è liberazione per

nessunə se non ci liberiamo tuttə.



Con lo sciopero dei e dai generi affermiamo il diritto all’autodeterminazione e alla

liberazione dei corpi tutti: delle persone di ogni genere che si rivoltano contro le

imposizioni di ruoli e norme dipendenti dall'assegnazione alla nascita e dai generi

imposti per il superamento del binarismo come unico orizzonte possibile. La diversità

porta a valore la specificità di ognunə di noi, di ogni corpo, di ogni individuo, di ogni

elemento dell'ecosistema nel proprio cammino di consapevolezza, resistenza e lotta

contro questo sistema che fonda la sua capacità di produzione e riproduzione proprio su

norme di genere, specie, ruoli, famiglia, binarismi, gerarchie, cultura e classi sociali.

Con lo sciopero dei consumi e dai consumi riaffermiamo la volontà di imporre un cambio

di sistema che disegni un modo di vivere sulla terra alternativo alla guerra, alle

colonizzazioni, allo sfruttamento della terra, dei territori e dei corpi tutti. Diciamo dei e

dai consumi perché immaginiamo possibile creare uno spazio di relazione, di

insubordinazione e di lotta tra chi rigetta il mero ruolo di consumatorə e chi lavora

all'interno del sistema produttivo contro chi sceglie e impone cosa e come produrre e

distribuire.


Ma come praticare concretamente lo sciopero dei generi e dei consumi? come praticare

l'intersezionalitá tra le oppressioni e le pratiche di resistenza? Come costruire quella

relazione importante con chi fa parte della catena produttiva? Come riconoscere e

risignificare le posizioni colonialiste, speciste, discriminatorie e animalizzanti interne ai

movimenti stessi? Come far emergere dalla marginalità le pratiche di economia

circolare, di costruzione di comunità autonome, di trasformazione e rigenerazione di

produzioni per imporre alternative e impedire al sistema capitalista eterocispatriarcale

di riprodursi e prosperare?

Per rispondere insieme a queste domande abbiamo lanciato l'assemblea

ecotransfemminista del 5 marzo dalle 16.00 alle 18.00 https://www.facebook.com/events/2879462389012174



NON vogliamo tornare alla normalità perchè la normalità è il problema! Per ricevere il

link e partecipare all'assemblea ti invitiamo a compilare questo form https://bit.ly/3GHPLJb

L'assemblea potrà essere seguita singolarmente oppure collettivamente anche

partecipando alle giornate aperte ad Agripunk, in val d'Ambra il 5 e 6 marzo https://www.facebook.com/events/301041935237908




Le giornate saranno cornice all'assemblea e chi parteciperà potrà dare una mano nel lavoro di cura (previsto l'arrivo di 21 pecore proprio in quei giorni), partecipare ai laboratori di cucina vegan, al laboratorio video, a vivere relazioni possibili tra bestie in uno spazio radicalmente diverso da quello urbano.

Per partecipare scrivere a prenotazioni@agripunk.com




#8MScioperopertutt vuol proprio dire che lo sciopero è contro tutte le oppressioni che ci

impone questo sistema capitalista ed eterocispatriarcale e per ognunə di noi che senta

di voler esprimere la sua rabbia e allegria nella forma più adeguata al contesto, al luogo

e al momento che sta vivendo. Non esiste un'unica forma di sciopero ma la possibilità di

calzare sul proprio corpo la forma di sciopero che si sceglie e farla vibrare l'8 marzo e

oltre. Per questo abbiamo lanciato IL TUO SCIOPERO IN UN VIDEO https://www.facebook.com/events/501334854846881 per chiedere a te, alla tua assemblea, al tuo collettivo, al tuo gruppo e alle persone a te vicinə, un video che dovrebbe avere queste caratteristiche: scegli un oggetto che rappresenta lo sciopero, fallo vibrare

raccontando con parole, gesti, musica (o altro) da cosa scioperi e come. Postalo

direttamente nella nostra pagina FB

https://www.facebook.com/ecotransfemminismomultispecie/

o nel tuo profilo usando gli hashtag #8Mscioperopertutt e #8Mvibrolosciopero o mandalo

con we transfer all'indirizzo retecorpieterranudm@gmail.com E non dimenticare che

durante le giornate aperte ad Agripunk ci sarà un laboratorio per la costruzione di un

video collettivo.



Anche questo 8 marzo lanciamo la nostra SANZIONE FUCSIA www.sanzionefucsia.eu

Questa volta contro gli allevamenti. Abbiamo ideato dei segnalibri e degli adesivi che

troveranno magicamente, grazie alla tua collaborazione, la loro giusta collocazione.

Ogni segnalibro e adesivo ha un codice QR che rimanda all'articolo dal titolo L'unico

allevamento buono è quello chiuso!



In questo articolo https://bit.ly/3sYqHbV le ragioni dello sciopero di generi e consumi e

le azioni che si possono organizzare per praticarlo che sintetizziamo qui:

• Smettiamo di consumare i corpi degli animali e finanziare la loro mercificazione

decidendo di abbracciare la filosofia vegan.

• Scarichiamo e stampiamo i segnalibri e gli adesivi e partecipiamo alla sanzione fucsia

"L'unico allevamento buono è quello chiuso"

• Aderiamo come assemblee e insieme agli spazi che attraversiamo alla campagna Spazi

Liberi dall’Apartheid Israeliana https://bdsitalia.org/index.php/campagne/splai e

firmiamo e facciamo firmare l'Iniziativa Cittadinə Europeə (ICE) per il blocco del

commercio con gli insediamenti illegali https://stopsettlements.org/

• Portiamo il nostro sguardo transfemminista e costruiamo reti nei movimenti ecologisti

contro il cambio climatico e il terricidio partecipando alle campagne contro grandi

opere, nucleare, privatizzazione dell'acqua e tutto il greenpinkrainbow washing del

PNRR e del blablabla della COP 26

• Partecipiamo e diffondiamo l'indagine sui temi del lavoro https://bit.ly/33DXqdQ

• Produciamo e stampiamo adesivi contro le pubblicità sessiste, i dress code nei luoghi di

lavoro

• Denunciamo le mutilazioni genitali per neonatu intersex, le cosiddette "pratiche di

riparazione di genere/orientamento" e la psichiatrizzazione e violenza dei percorsi di

affermazione di genere, lavorando per la pratica del “consenso informato” come

percorso che garantisce una reale autodeterminazione.

• Scioperiamo anche al contrario attraverso la riappropriazione degli spazi pubblici,

l'autogestione nelle consultorie, la costruzione di punti di ascolto e lezioni in

piazza......

• Contrastiamo la visione gentrificata della presenza di alberi negli spazi urbani come un

problema di sicurezza e/o danneggiamento del cemento che li circonda. Sogniamo e

immaginiamo una città bosco, spazi di vita diversi per tuttu.

• Slut walk o passegiate froce e transfemministe contro l'eterocisnormatività, il

cissessismo e la transesclusione

• Costruiamo spazi transfemministi e sportelli autogestiti.

• Pratichiamo l’uso di un linguaggio non binario negli ambiti formali e informali della

vita quotidiana con azioni di hackeraggio anche nella vita accademica utilizzando la "u"

e la schwa o l'elisione.

• Lavoriamo per l'apertura, pubblicamente riconosciuta e nominata, dei consultori, delle

case rifugio, dei centri e sportelli antiviolenza, di tutti gli spazi sociali e comunitari

alle soggettività LGBT*QIPA+ anche in veste di operatoru.

• Agiamo contro il pinkwashing israeliano, denunciando la strumentalizzazione della

fantomatica apertura di Israele nei confronti della comunità LGBTQIPA+ utile solo a

deviare le critiche relative ai crimini derivanti dall'occupazione.

• Sosteniamo i rifugi per animali resistenti che attualmente si fondano sul volontariato,

sulla precarietà e sull'assenza di riconoscimento. Soprattutto quelli che, come

Agripunk, sono centri antiviolenza in cui il pensiero ecotransfemminista fondato sulle

relazioni multispecie diventa pratica quotidiana.

• Riduciamo la produzione di rifiuti e partecipiamo alle campagne contro gli

inceneritori: molto di ciò che buttiamo può essere riutilizzato da altru, riciclato anche

in forme artistiche. Riusiamo, scambiamo, ricreiamo e reinventiamo nuovi utilizzi.

• Scioperiamo anche oltre l'8marzo contro il mercato consumista/capitalista capace solo

di pensare al profitto, al furto e alla colonizzazione dei corpi sfruttati e schiavizzati,

all'appropriazione e uso dei beni comuni del pianeta, del tempo della nostra vita e del

nostro piacere. Lanciamo un NO al consumismo e un Sì alle economie alternative.

L'acquisto è sempre un gesto politico. Diamo valore, diffondiamo ed espandiamo,

affinché escano dalla marginalità e diventino alternativa, le pratiche già esistenti di

economia circolare: reti di solidarietà, occupazione di spazi urbani per la

proliferazione di orti urbani a gestione collettiva, azioni di guerrilla gardening e lancio

di bombe di semINaria, negozi gratis dove si possano raccogliere e/o prendere ciò che

può essere passato di mano invece che buttato, gruppi di consumo territoriali, piccoli

mercati di prossimità, acquisti collettivi di prodotti sfusi e alla spina. Portiamo con noi

stoviglie e bicchieri nelle feste, assemblee, incontri ed eventi pubblici con cui godere

del nostro gustosissimo cibo libero dalla sofferenza animale e godiamoci gli aperitivi

senza plastica #nientecannucciagrazie.


Tutte le grafiche sono di Irina Zovich che ringraziamo

85 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page